Geo Politica
Con la Cina che sovrasta il paese da ovest e il Giappone ad est, non c'è da stupirsi che il paese sia stato nei secoli, contro la propria volontà, oggetto di ricorrenti ed innumerevoli invasioni da parte dei propri vicini ed è davvero sorprendente che la Corea del Sud continui a esistere. Questa piccola penisola, che si insinua garbatamente nel Mar del Giappone, fino all'inizio del '900 è stata considerata facile terra di conquista. Tuttavia, per quante volte essi abbiano tentato di assorbirla, la Corea del Sud è sempre risorta intatta, solida e pronta a nuove sfide. I sudcoreani attribuiscono la 'non digeribilità' della propria cultura agli elementi vincolanti del confucianesimo, alla lingua e sopratutto al loro forte orgoglio nazionale.

Anche il meraviglioso paesaggio della Corea del Sud ha inoltre giocato un ruolo molto importante nel creare un'identità nazionale coesa. Si tratta infatti di un territorio immerso nel verde, con alture di pietra che si elevano verso il cielo, elementi fondamentali per un popolo ossessionato dalla natura e dalle montagne in particolare. Dovunque andiate, vedrete i coreani all'aria aperta, pronti all'ennesima sfida diretti sempre più avanti o sempre più in alto.

Clima
La Corea ha quattro stagioni distinte, con un'estate umida e caratterizzata dai monsoni che cade più o meno a metà anno e un inverno molto freddo che va da novembre a marzo.
Cheju-do, al largo della costa meridionale, è la località più calda del paese.

Se ne avete la possibilità, cercate di visitare il paese durante l'autunno (da settembre a novembre): in questi mesi il tempo è soleggiato, il cielo è sereno e lo spettacolare fogliame autunnale è davvero stupendo.
L'inverno è freddo ma secco e costituisce un buon periodo per visitare il paese, in particolare se amate sciare e, più in generale, i templi innevati. In inverno sono pochi i turisti e le temperature frizzanti (al di sotto dello zero). La primavera (aprile e maggio) può rivelarsi una stagione molto piacevole, ma è anche il periodo in cui il maggior numero di giapponesi visita il paese; potreste così avere problemi a trovare una sistemazione se siete interessati agli alberghi di fascia medio-alta. L'estate è calda, affollata, umida, cara e soggetta a tifoni.

Feste e manifestazioni
Il primo giorno dell'anno lunare si celebra il Seollal (gennaio/febbraio), quando tutta la Corea del Sud si ferma. Il Cherry Blossom Festival si tiene a Jinhae nella provincia di Gyeongsangnam agli inizi di aprile (se il tempo e gli alberi di ciliegio collaborano...). Le sfilate con le lanterne si tengono in occasione del Compleanno di Buddha, celebrato alla fine di aprile o agli inizi di maggio. A Seul si tiene una sfilata serale da Tapgol Park a Jogyesa, la domenica prima delle ferie. Nel mese di giugno di svolgono processioni di sciamani e maschere durante il Dano Festival e a settembre il National Folk Arts Festival dà lustro alla cultura del paese. La principale vacanza della Corea del Sud è il Chuseok. In quel periodo (da settembre a ottobre) le città si svuotano, perché le persone tornano ai luoghi di origine, a rendere omaggio agli antenati.

Viaggiare in Corea

Italian English